Iscriviti alla newsletter

Oderal - organizzazione per la democrazia rappresentativa aleatoria

Lungarno del Tempio, 54

50121, Firenze

samuele.nannoni@oderal.org

Contattaci
SeGUICI
  • Facebook
  • Instagram

Copyright © 2019 - ODERAL - Organizzazione per la Democrazia Rappresentativa Aleatoria - All Rights Reserved

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon

Rivoluzione Italiana – Manifesto per la trasformazione del Senato della Repubblica in una Assemblea di cittadini (Scarica il PDF) è un testo nato grazie all’ispirazione fornita da un libro; “Contro le elezioni – Perché votare non è più democratico” del giornalista belga David Van Reybrouck.

Il testo si divide in due parti.

Nella prima, esso si interroga sulla crisi della nostra democrazia e presenta le tesi, le teorie e i progetti riguardanti un antico mezzo di selezione democratica dei propri rappresentanti, il sorteggio, e le possibilità di una sua applicazione nei nostri moderni ordinamenti.

La seconda parte è dedicata invece ad una personale elaborazione di un modello di riforma istituzionale per l’Italia, ideato ispirandosi a proposte di riforma già avanzate in altri paesi. La riforma prende il nome di “Rivoluzione Italiana” perché, se mai un giorno venisse attuata, si tratterebbe a tutti gli effetti di una vera rivoluzione del nostro modo di essere cittadini, della nostra percezione di cosa significhi realmente vivere in uno Stato democratico, della nostra visione della politica. Ovviamente, tale rivoluzione si fonderebbe sull’introduzione nel nostro sistema istituzionale del sorteggio come pratica per la selezione dei componenti di una delle due Camere del Parlamento italiano; il Senato.

L’analisi della riforma è stata suddivisa in quattro macro-categorie, riportate qui di seguito, al fine di renderne più chiara la spiegazione:

  • Composizione e mandato del nuovo Senato

  • Competenze e funzioni del nuovo Senato

  • Il procedimento per la selezione dei senatori tramite sorteggio ed autoselezione

  • Retribuzioni dei senatori e rapporti con la professione svolta da questi